A tutta… Coez!

Domenica 27 agosto si è conclusa la 19ª edizione dell’ FDB Festival di Fabrica di Roma. Potremmo stare ore ed ore a parlare di quanto sia figa ed importante questa manifestazione musicale, ma per chi c’è stato sa perfettamente a cosa mi riferisco, quindi per chi se lo fosse perso e sta leggendo questo articolo vi invito a venire l’anno prossimo, ovviamente per assaggiare dell’ottimo cibo, gustarsi fantastiche birre e giustamente ascoltarsi una tre giorni pazzesca di buona musica! Una menzione speciale va fatta però a Massimiliano Scarponi e tutto il suo staff che insieme alla proloco di Fabrica di Roma hanno organizzato nei minimi dettagli il festival e ci hanno accolti come fossimo dei fratelli. Massimiliano, insieme a Giuseppe Pacelli, Martino Pugliese, Diego Testaguzzi mossi dalla sola passione sono riusciti ad organizzare insieme ai loro ragazzi (per citarne alcuni: Federica Mascagna, Martina Basili, Fabio de Iaco, Gregorio Pozzo e Davide Ceccarelli) , un qualcosa di irripetibile e fantastico. Per tutte le persone che puntualmente scrivono sotto i vari profili social degli artisti quando andranno a suonare nella loro città, la risposta è un team come quello dell’FDB. Un team che si è mosso, non è stato fermo a guardare (o leggere in questo caso), ed ha iniziato ad attivarsi regalando ad oltre 5mila persone (record assoluto di  ingressi) una serata magica e, probabilmente, un po’ di mal di gola vista la forza con cui cantavano le canzoni di Coez. Avete letto bene, 5 mila persone a Fabrica di Roma! Io non volevo crederci, ma la risposta delle persone è stata a dir poco entusiasmante. Sul palco in apertura...

Valeria Farinacci @ Subway Webradio

Ultimo appuntamento con la stagione 2017 di  Uniweb Tour! Condotto da Michela Bisogno e Massimiliano Capo il progetto Uniweb Tour  – ideato da Red&Blue Music Relation di Marco Stanzani con il patrocinio del Ministero dei Beni Culturali e la sponsorizzazione di Rockol – seleziona i migliori artisti emergenti del panorama italiano e li accompagna in un viaggio tra le webradio universitarie della penisola passando per Torino, Roma, Milano, Prato, Siena, Napoli e Viterbo.   Questa settimana ospite Valeria Farinacci, interprete umbra classe ’93 che ha debuttato all’ultima edizione del Festival di Sanremo nella categoria Giovani.  Appassionata di lingue, si iscrive all’università e si trasferisce a Roma, per poi volare in Inghilterra nel 2014 dopo aver vinto una borsa di studio per uno degli atenei più prestigiosi: lo University College London (UCL).   Durante questo intero anno accademico londinese Valeria ha anche modo di esplorare ed assaporare la musica anglosassone. Nello stesso anno, grazie alla vittoria del concorso musicale ternano “Avis Emo…zioni l’arte di donare”, Valeria ottiene una borsa di studio al CET di Mogol, dove conosce Giuseppe Anastasi, già compositore e autore di canzoni vincitrici del Festival di Sanremo, quali “Sincerità” e “Controvento” nonchè de “La notte”, “L’amore è un’altra cosa” e “Guardando il cielo”. Da questo incontro nasce una collaborazione volta alla scrittura ed alla produzione di nuovi brani che portano Valeria Farinacci dapprima ad aggiudicarsi il concorso Area Sanremo e conseguentemente, dopo essersi laureata con 110 e lode in “Lingue e Mediazione Linguistico-Culturale” all’Università degli Studi Roma Tre, al debutto sul palco dell’Ariston nell’edizione 2017 con il  brano “Insieme”. “La prima volta che ho letto il testo scritto da Giuseppe Anastasi sono rimasta molto colpita...

Fantasia Pura Italiana @ Subway Webradio

Terzo appuntamento con Uniweb Tour! Condotto da Michela Bisogno e Massimiliano Capo il progetto Uniweb Tour  – ideato da Red&Blue Music Relation di Marco Stanzani con il patrocinio del Ministero dei Beni Culturali e la sponsorizzazione di Rockol – seleziona i migliori artisti emergenti del panorama italiano e li accompagna in un viaggio tra le webradio universitarie della penisola passando per Torino, Roma, Milano, Prato, Siena, Napoli e Viterbo.   Questa settimana ospiti i Fantasia Pura Italiana, band toscana formata da: Fabrizio Ganugi – Voce, chitarra ritmica Ivan Giacca Crisci – Chitarra Elettrica Claudio Jean Brambilla – Basso elettrico Alessio Siso Tanzini – Batteria Tiziano Bollore Nieri -Tastiere Francesco Gori – Recitazione, cori e quant’altro “Una canzone semplice” è il primo estratto dal loro nuovo album “Istruzioni per un viaggio scomodo”, un viaggio onirico nel mondo dei sei ragazzi di Prato. Una canzone semplice è una meta-canzone, racconta il sogno e l’esigenza di arrivare al grande pubblico tramite una canzone che l’autore vorrebbe scrivere, ma che non ha mai scritto. Il risultato è una canzone che è l’opposto del suo stesso titolo. Dal punto di vista musicale si cerca di creare un effetto di tragi-commedia all’italiana, le strofe sono malinconiche e rabbiose, mentre i ritornelli sono scanzonati e festosi. Per quanto non sia una canzone di immediata comprensione, è stata scelta come singolo per l’originalità del testo e perché racchiude in sé tutte le tendenze creative dell’album. Il disco “Istruzioni per un viaggio scomodo” inizia a prendere forma nell’estate del 2016 durante il tour estivo dei Fantasia Pura Italiana. Tra una data e l’altra vengono scritti i primi testi, raccolte le prime ispirazioni,...

Londra-Tokyo e ritorno: la musica di Cream With a K

Uscirá nella prossima estate “Into the Void”, il debutto di Cream With a K, cantautrice alternative pop diventata negli ultimi anni il collante tra la scena musicale britannica e quella nipponica. Ispirata dai film di Shunji Iwai, a 16 anni decide che sarebbe diventata una famosissima popstar della musica giapponese cosí si impegna nello studio della musica e della lingua per registrare una demo, lascia Londra e parte alla volta del Sol Levante. É questa la storia di Cream With a K (abbreviato in CWAK), ex modella, cantante e visual artist (fatevi un giro sul suo profilo Instagram) residente a Tokyo che mescola la flessibilità e la dinamicità di Londra con il rigore nipponico. A soli 19 anni intraprende la carriera di cantante J-pop firmando in seguito con la Universal Japan e poi con il management di Kyary Pamyu Pamyu, icona indiscussa del genere, scrivendo brani anche per altri artisti. Dopo 8 anni di carriera lontana dall’Europa – tra cui la conduzione in lingua giapponese di “Nippon Rocks”, programma musicale seguitissimo in Giappone – la decisione di tornare a Londra per un progetto solista totalmente britannico e da qui, la necessità di scegliere un nome nuovo. La scelta del nome è stata fondamentale, per non finire imbrigliata in niente che non fosse la totale libertà di scrittura ed espressione come solista dopo anni passati come frontman dei Neko Punch. «Cream With a K mi dà la giusta distanza dall’essere definita come qualcosa; ho anche delle crisi di identità personali, e non credo di rispecchiarmi in nessun nome proprio» dice a valle della release di “Terrible Voices” nel Luglio del...

Subway Webradio @ Medioera 2017

Giovedí 23 Marzo parte l’ottava edizione di Medioera – Festival di Cultura Digitale, la rassegna che si occupa i tecnologie, nuovi media digitali, social network e di tutta quella serie di nuovi saperi e saper fare legati all’era digitale e alle dinamiche globali e locali.  Per il secondo anno consecutivo Subway Webradio  – in collaborazione con Editions e SBC Web Agency – sará orgogliosissimo media partner di uno degli appuntamenti più attesi della provincia di Viterbo e non solo. Seguite il nostro profilo Spreaker per ascoltare le interviste in diretta e ripescare i podcast nelle prossime settimane o la pagina Facebook per le dirette video con tutti gli ospiti del festival che ci racconteranno le loro esperienze ed i loro “talenti“, parola chiave che caratterizzerà tutti i panel che vedranno la luce sul palco dello Spazio Attivo BIC Lazio in Via FAVL, 20. Il programma completo del festival lo trovate...

Skelters @ Subway Webradio

Nuova settimana, nuovo appuntamento con Uniweb Tour! Condotto da Michela Bisogno e Massimiliano Capo il progetto Uniweb Tour  – ideato da Red&Blue Music Relation di Marco Stanzani con il patrocinio del Ministero dei Beni Culturali e la sponsorizzazione di Rockol – seleziona i migliori artisti emergenti del panorama italiano e li accompagna in un viaggio tra le webradio universitarie della penisola passando per Torino, Roma, Milano, Prato, Siena, Napoli e Viterbo.   Questa settimana ospiti gli Skelters, band calabrese d’origine e ormai milanese d’adozione. Fondato a Catanzaro nel 2004 il gruppo viene ingaggiato quasi immediatamente dalla londinese Bugbear Promotions e vola oltremanica per esibirsi al Dublin Castle tra le strade di Camden Town, quelle stesse strade in cui qualche decennio prima scoccava la scintilla del beat che ha da sempre ispirato Giuseppe Russo, Emanuele Russo, Domenico Martinis e Luigi Longo. Il 2008 è l’anno di un nuovo tour in Inghilterra: due date a Londra poi Nottingham, Birmingham e Manchester. Nel 2011 esce il primo disco “Lux Mundi” cantato in lingua inglese e poi con il ritorno all’italiano l’EP “Skelters” (2012) e i successivi tre singoli “Siamo”, “Chimica dell’amore” e “Anima”. Nel 2017 esce “Londra”, singolo che anticipa l’uscita del nuovo album “Rivoluzione 9”. “Rivoluzione 9”  ha questo titolo per diversi motivi. In primis è la traduzione di un brano dei Beatles (“Revolution n.9” ndr) contenuto nel “White Album” che contiene anche “Helter Skelter” dal quale la band ha preso il suo nome. Il brano dei Beatles fece parlare e collegare il quartetto ad una scuola esoterica collegata in varie forme al numero “9”. Nove sono anche i brani del nostro album che ci riporta...