Wallada: “Cammino orgogliosa per la mia strada”

Un caldo pomeriggio estivo, le vie del centro che iniziano ad affollarsi e Caffeina che si tinge dei colori dell’Andalusia. Le poesie della principessa Omeya Wallada riecheggiano nella mia mente e mi riportano ai profumi, ai colori dei paesaggi arabi a me familiari. Ribelle, impavida, donna fatale, coraggiosa, semplicemente la donna-simbolo della libertà femminile dell’XI secolo. Tutto questo e molto altro nella raccolta di poesie “Cammino orgogliosa per la mia strada” edita da FusibiliaLibri. L’intervista ai curatori del libro, Dona Amati e Claudio Marrucci. [Articolo scritto da Diana Giacobbi ] Per ascoltare l’ intervista PRESS...

Lilli Gruber: “Siamo Prigionieri dell’Islam”

Sfogliando il programma di Caffeina, mi salta all’occhio un evento fra tutti: Lilli Gruber presenta il suo libro “Prigionieri dell’Islam”. A primo impatto questo titolo mi spiazza, in tutti questi anni non avevo mai associato la Gruber a una possibile Islamofobia. Questo mi incuriosisce e mi spinge ad assistere all’intervento. “Siamo realmente prigionieri dell’Islam?” a questa domanda Lilli Gruber dà una risposta completamente diversa da quella che mi aspettavo. Un libro che è “un triangolo che cambia la nostra vita: terrorismo, migrazioni, integrazione” [Articolo scritto da Diana Giacobbi ] Per ascoltare l’ intervista PRESS...

La Terza Guerra di Mimosa

La Terza Guerra di Mimosa Fresca, energica e solare. Così si potrebbe descrivere in tre aggettivi la personalità di Mimosa Campironi: attrice, cantautrice e musicista pavese. Dopo aver calcato i palchi dei teatri italiani e i grandi schermi del cinema, Mimosa approda alla musica con “La Terza Guerra”, un album dedicato alle donne, dal sound originale e ricercato che potrebbe benissimo essere accostato ai lavori delle grandi cantautrici d’oltreoceano e d’oltremanica. Artista a 360 gradi, che mutua elementi dalla sua formazione recitativa con estrema sensibilità e ponderazione, e li unisce alla sua passione per la musica. Il risultato? Un mix di femminilità grintosa, intelligente e mai esagerata che canta, senza scadere nel melodramma, la crisi della società moderna. Il 12 Marzo Mimosa Campironi è intervenuta ai microfoni di Subway Webradio in un’interessante intervista fatta “ Al Settantasette” con la speaker Giulia Conti. Di seguito l’intervista alla cantante Pavese! Il tuo primo album “Terza Guerra” è dedicato alle donne. Quali sono quelle che ti hanno inspirato in questo percorso? “Ho scritto un album che è inspirato a tutte le donne, ragazze giovani che combattono per un lavoro che dia una prospettiva più florida e bella, sperando che questa terza guerra, questa crisi di cui sentiamo parlare dappertutto, possa essere invece un momento bello per trovare quello che ci accomuna, invece di combatterci.” Questo album ha avuto ripercussione sul tuo modo di vedere l ‘arte, essendo tu un artista molto completa e avendo studiato recitazione e musica? “Beh sì, ho imparato a fare di necessità virtù come stiamo facendo tutti in questo momento storico. Per esempio sono riuscita a mettere insieme un...

Intervista agli Etruschi From Lakota: Un connubio di teatralità, energia e sarcasmo.

Intervista agli Etruschi From Lakota Un connubio di teatralità, energia e sarcasmo. Il 4 Marzo la band è intervenuta ai microfoni di Subway Webradio in un’interessante intervista fatta “ Al Settantasette” con la speaker Diana Giacobbi. I pisani Etruschi From Lakota si formano nel 2011 a partire dal cantante Dario Canal, con Simone Sandrucci e Pietro Marini alle chitarre, Diego Ribechini al basso e Luigi Ciampini alla batteria. L’ incontro con il produttore Nicola Baronti li spinge nella giusta direzione, da questa collaborazione nasce “ Davanti al muro”, Ep uscito nel marzo 2012 per Phonarchia Dischi e successivamente, nel gennaio 2013 vede la luce il primo disco “I Nuovi Mostri”. Il loro acuto è però “Non ci resta che ridere” una centrifuga “Zappiana” di rock, sarcasmo, country, anni 70’s , sgambettamenti gospel e blues . Undici brani che “parlano verace” in una libertà artistica totale. Di seguito l’intervista di Diana alla band di Montecastelli Pisano! Allora vi conosciamo come un connubio di teatralità, energia e sarcasmo. Ma chi sono gli Etruschi from Lakota, come nascono? “Noi nasciamo come un gruppo fondamentalmente di amici, compagni di scuola che si ritrovano in tenera età e cominciano a suonare inseme e poi negli anni nasce un progetto serio.” Voi siete una band toscana e siete molto legati alle vostre origini, alla vostra terra. Come influenza i vostri testi? “Beh notevolmente , la mattina quando apri la finestra e guardi fuori vedi quello che vedi nei nostri testi, ad esempio, vedi la nostra spensieratezza il nostro attaccamento alla terra.” “Non ci resta che ridere” è il vostro ultimo lavoro. Quale è il messaggio...

Intervista a Calcutta : Fragili storie in una realtà irreversibilmente precaria

Intervista a Calcutta: Fragili storie in una realtà irreversibilmente precaria Continua la collaborazione di Subway Webradio con il bar “Al Settantasette” e ad una settimana dai KuTso, siamo andanti a trovare un altro grande artista. Il nome in questione è quello di Edoardo d’Erme, in arte Calcutta, giovane cantautore di Latina. Già nel 2012 dopo la pubblicazione del primo album dal titolo “Forse…”, Il nome di Calcutta inizia a circolare nell’ambiente della musica underground ma si ferma a Roma e d’intorni. Lo stesso Edoardo ha raccontato ai nostri microfoni di aver suonato per anni nei posti più improbabili (fermate del bus, stazioni ferroviarie, scantinati), accompagnato solo dalla sua chitarra e da una sigaretta in bocca. I riflettori si accendono su Edoardo qualche mese fa, con l’uscita del suo ultimo album “Mainstream”. Pubblicato il 30 novembre, ma anticipato dal singolo “Cosa mi manchi a fare” (che oggi su YouTube ha più 900.000 views), quest’album vuole essere in tutti sensi mainstrem,anche se resta ben saldo alle radici underground. É un disco che vuole raggiungere più persone possibili, mediante sonorità pop e testi “veicolabili”, così come li definisce lo stesso cantautore. Canzoni intime ed introverse che raccontano tante fragili storie che fanno da cornice ad una realtà irreversibilmente precaria. Sono storie che abbandonano la sfera autobiografica dell’autore, per diventare voce universale di giovani che si rispecchiano nella solitudine di un appartamento in disordine o nella malinconia confortante che si prova nel mangiare una pizza da soli. Piccoli racconti di vita quotidiana, di un viaggio continuo in fuga dall’arida stabilità, priva di stimoli e colma di ricordi. Calcutta stravolge le nostre abitudini con...

Intervista ai KusTo: una band per persone sensibili

Intervista ai KusTo: una band per persone sensibili   “I KuTso uniscono scherzo e provocazione ad un linguaggio musicale gioiosamente frenetico. La loro musica solare e irriverente è il tappeto sonoro di testi segnati da forti dosi di simpatico disfattismo e smielato sarcasmo. I concerti, veri e propri mix esplosivi di nonsense, disperazione, movimenti inconsulti, invettive e travestimenti estemporanei trasportano il pubblico in un’atmosfera surreale e sgangherata.” d   Così si definiscono i KuTso, band poliedrica della capitale che Venerdì 26 Febbraio ha fatto scatenare il bar 77 sulle note del loro Alternative Rock irrefrenabilmente sarcastico. Matteo Gabbianelli (voce della band) è intervenuto ai microfoni di Subway Webradio in un’interesssante intervista con lo speaker Andrea Multari. Il viaggio dei KuTso inizia nel 2006, portando la loro musica nei locali di Roma e provincia. Il primo segno tangibile di un cambiento arriva nel 2007, anno in cui vincono l’Heineken Jammin Festival Contest e quattro anni più tardi pubblicano il loro primo EP dal titolo “Aiutatemi”. Nell’aprile del 2013 pubblicano il loro primo ufficiale che porta il titolo “Decadendo (su un materasso sporco)” prodotto da 22R,Cose Comuni e Metatron. Nel 2014 partecipano al Concerto del Primo Maggio a Roma, dove si esibiscono di fronte ad un pubblico di 700.000 persone. Da cinque anni sono impegnati in un tour senza sosta denominato appunto “Perpetupo tour” collezionando più di 200 date in tutta Italia. Di seguito l’intervista di Andrea alla voce dei KuTso! “Musica per persone sensibili” é il vostro ultimo lavoro, pubblicato nel 2015 in collaborazione con Alex Britti. Come pensate possa essere percepito da chi è insensibile? “Le persone insensibili probabilmente...